Estetica

La salute e l’aspetto della nostra bocca hanno un’importanza fondamentale nella vita di relazione, quindi l’odontoiatria oggi non può tenere conto solo della componente terapeutica ma si deve occupare anche, e a volte soprattutto, di quella estetica. L’evoluzione dei materiali e delle tecnologie che abbiamo a disposizione e la messa a punto di protocolli operativi sempre più rigorosi ci permettono di seguire i nostri pazienti con risultati medici ed estetici sempre più alti.

Igiene e prevenzione

Una bocca sana non sempre è anche una bocca bella, ma sicuramente uno stato di buona salute costituisce il punto di partenza per poter avere un’estetica soddisfacente. Per mantenere denti e gengive sani non si può rinunciare a sedute periodiche di igiene orale professionale, nelle quali, oltre alla rimozione (detta ablazione) dei depositi di placca e tartaro, vengono insegnate al paziente anche le corrette metodiche di igiene domiciliare (uso dello spazzolino, del filo interdentale e/o degli scovolini dentali).Durante la ‘pulizia’, dopo l’eliminazione di tartaro e placca accumulati sulla superficie dei denti, negli spazi interdentali e sotto la gengiva, l’operatore effettua anche una rimozione delle macchie più superficiali dello smalto e una lucidatura dei denti, utilizzando polveri come il bicarbonato di sodio e/o paste con diversi indici di abrasività.

Odontoiatria ricostruttiva estetica

La branca conservativa dell’odontoiatria negli ultimi anni si è evoluta enormemente, anche nella direzione di una sempre maggiore soddisfazione del paziente nei confronti dell’armonia e della naturalezza del proprio sorriso. La vecchia amalgama di argento, materiale che è stato utilizzato per più di un secolo per fare le otturazioni e che veniva “incastrato” nel dente, è stata sostituita da resine estetiche che si attaccano al dente in modo ottimale e che permettono di correggere alla perfezione forma e colore di denti danneggiati. La qualità dell’adesione tra dente e materiale ricostruttivo è talmente alta che è possibile applicare a denti sani delle sottilissime lamine in ceramica, chiamate faccette o additional veneers. L’invasività delle faccette è nulla perché lo smalto non viene assolutamente toccato, e i risultati estetici sono strabilianti. La ceramica utilizzata in odontoiatria estetica è traslucente, non intaccabile da pigmentazioni indesiderate e resistente alle forze masticatorie.

Quando utilizzare le faccette?
Le faccette, in una bocca clinicamente sana, si usano per risolvere problemi estetici di vario tipo, in modo permanente e non invasivo. Per esempio:
• denti fratturati o malformati
• difetti di colore, discromie e macchie permanenti
• denti usurati meccanicamente o erosi chimicamente
• diastemi (spazio tra i denti)
• difetti dello smalto

Ortodonzia

L’ortodonzia è la disciplina odontoiatrica che si occupa del corretto allineamento dei denti, che è fondamentale per una funzionalità ottimale della bocca, della masticazione e delle articolazioni, ma naturalmente è anche molto importante dal punto di vista estetico. L’ortodonzia non è destinata solo ai bambini e ai giovani adulti: può essere utile in qualsiasi momento nell’arco della vita. In ortodonzia è possibile risolvere tantissimi casi di disallineamento dei denti utilizzando, al posto dei ben noti attacchi e fili metallici (il tradizionale “apparecchio”) delle mascherine rimovibili realizzate in resina trasparente che risultano molto comode da indossare e praticamente invisibili. I più aggiornati protocolli di ortodonzia invisibile infatti sono studiati per garantire il massimo comfort e il minor impatto possibile sulla vita quotidiana del paziente. Il percorso ortodontico di ciascuno è ovviamente personalizzato, e inizia con una serie di impronte che permettono al medico di affrontare lo studio completo del caso e di presentarlo poi nel dettaglio al paziente stesso. Una volta realizzate le mascherine dette aligner, il trattamento prevede regolari visite di controllo per monitorare i progressi del paziente e sostituire una mascherina con la successiva. Amadental utilizza i protocolli certificati Invisalign (ortodonzia invisibile) e Inman Aligner (ortodonzia rapida per i denti dei gruppi frontali). I nostri medici odontoiatri e ortodonzisti abilitati sono sempre a Vostra disposizione per una visita e un consulto senza impegno.

sbiancamento
Sbiancamento

Lo sbiancamento professionale è una procedura odontoiatrica sicura ed efficace che, mediante l’applicazione di prodotti contenenti una percentuale variabile di perossido di idrogeno o perossido di carbammide, permette di migliorare il colore dei denti. Lo sbiancamento funziona grazie alla liberazione di ossigeno da parte del perossido di idrogeno o di carbammide nel momento in cui viene posto a contatto con lo smalto dentale. Queste molecole di ossigeno disgregano i pigmenti responsabili della discromia, rendendoli non più visibili. Dobbiamo però tenere conto che lo sbiancamento ha effetto solo sul tessuto dentale mentre non agisce su corone protesiche, otturazioni o qualsiasi altro materiale da restauro presente nel cavo orale. Il trattamento può essere eseguito nello Studio Dentistico mediante applicazioni di gel sbiancanti con una percentuale di perossido di idrogeno molto alta (di solito intorno al 38-40%), oppure può essere eseguito a casa dal paziente utilizzando però gel meno potenti (che vengono forniti dallo Studio Dentistico) da applicare con l’aiuto di apposite mascherine personalizzate, realizzate partendo dall’impronta dei vostri denti. L’ideale sarebbe sottoporsi prima a un trattamento in Studio e poi usare lo sbiancamento domiciliare per mantenere, migliorare e prolungare l’effetto ottenuto. Questo tipo di procedimento non ha nulla a che vedere con la rimozione di macchie e pigmentazioni che avviene normalmente durante una seduta di igiene orale professionale e che ha effetto solo sulla superficie del dente. Chi ha intenzione di sottoporsi a questo trattamento deve tener conto che lo sbiancamento non è una soluzione definitiva, ma gli effetti possono essere visibili in media per 6-15 mesi. Usando lo stesso prodotto su pazienti differenti si hanno risultati diversi; l’esito finale può dipendere dal colore di partenza del dente, dal tipo di smalto e anche dalle abitudini del paziente stesso (per esempio fumo, consumo di caffè/tè, cibi e bevande acide, ecc.). Ci sarà sempre un miglioramento visibile del colore dei denti, ma è difficile quantificarlo a priori. Infine è indispensabile sapere che per eseguire lo sbiancamento in modo corretto ed efficace i denti devono essere ben puliti e i tessuti che li circondano devono essere sani e non infiammati. Si consiglia quindi sempre una seduta di igiene orale professionale prima di affrontare questo trattamento. Bisognerebbe diffidare dai metodi “fai da te” e dai vari prodotti da banco che promettono risultati miracolosi. Come sempre, chiedere consiglio al proprio dentista e/o igienista di fiducia è la miglior strategia per ottenere i risultati desiderati. Come già detto, lo sbiancamento dentale professionale è una pratica sicura per i pazienti, che non altera o rovina lo smalto dei denti. Nonostante questo, un effetto collaterale tipico dello sbiancamento è la sensibilità dentinale (in particolare a stimoli termici freddi) che può essere più o meno lieve, è comunque transitoria, e completamente reversibile nel giro di poche ore.

Radiofrequenza

La radiofrequenza è un trattamento estetico-medicale non invasivo, consigliato per prevenire l’invecchiamento cutaneo, attenuare rughe e lassità cutanee, tonificare e drenare i tessuti. Nel corso di un delicato massaggio praticato con un apposito manipolo, l’emissione di energia genera un piacevole calore a livello del derma e produce effetti visibili già al termine della seduta di prova. Il dispositivo utilizzato in Studio – e sempre in presenza di un medico – genera onde elettromagnetiche con frequenze comprese tra 520 e 700 KHz. Le onde raggiungono e stimolano i fibroblasti nella produzione di collagene, acido ialuronico ed elastina donando idratazione, turgore ed elasticità alla cute. La pelle è da subito più compatta, con un effetto bio-lifting immediato che migliora progressivamente l’armonia dei tratti del viso nel tempo. Infatti, l’aumento del metabolismo cellulare e la stimolazione del microcircolo sanguigno e linfatico comportano un incremento della funzionalità e un miglioramento della consistenza della cute trattata. I tessuti del viso, del collo e del decolleté appaiono immediatamente rivitalizzati nel colorito e nella texture. Inoltre, nel caso di pelli giovani, problematiche e/o acneiche, la radiofrequenza risulta utile per l’azione antinfiammatoria e riequilibrante che ha sulla sulla produzione di sebo. Il trattamento regolarizza l’attività delle ghiandole sebacee e stimola i processi di guarigione degli esiti cicatriziali tipici dell’Acne Vulgaris.

Pubblicato in Specialità